Certificati attestanti situazioni anagrafiche pregresse (certificati storici)

Ultima modifica 4 gennaio 2021

I certificati storici sono attestazioni che riguardano situazioni e dati pregressi quindi non riferiti al periodo attuale, conservati negli archivi anagrafici del Comune e sono:

  • Stato di famiglia originario: riferito alla composizione della famiglia anagrafica alla data di formazione/istituzione.
  • Stato di famiglia storico a una data: riferito alla composizione della famiglia anagrafica alla data indicata dal richiedente oppure i movimenti intervenuti nel periodo indicato dal richiedente.
  • Certificato di residenza storico: riporta tutti i cambi di indirizzo relativi alla residenza nel Comune dalla data di prima iscrizione fino alla data della domanda.

Il certificato di stato di famiglia originario o storico non contiene l'indicazione dei gradi di parentela, come previsto dalle Circolari Ministero dell’Interno n. 11/1996 e n. 3/1997.

La funzione del certificato anagrafico storico non è quella di ricostruire un albero genealogico idoneo a dimostrare le relazioni parentali (e/o eventuali eredi) ma certifica solo chi si trovava dimorante abitualmente in un determinato posto (indirizzo) in un certo momento all’atto del rilascio del certificato o a una certa data.

In questo senso si è espresso il Ministero dell’Interno (quesito del 02/12/2003) affermando che il certificato di famiglia storico è unicamente ancorato all'abitazione ed alle persone che in essa hanno convissuto e convivono, indipendentemente dai vincoli di parentela.

Costi: marca da bollo da € 16,00 + € 5,00 per ogni componente